Quale acqua per il caffè? Ecco la guida per scegliere la migliore

Da cosa dipende il sapore del caffè? Ovviamente dalla tipologia di miscela selezionata. Ogni palato ha le sue preferenze, si può scegliere una miscela con note dolci o un’altra più corposa e forte, purché sia di qualità: i chicchi devono essere perfettamente tostati, macinati e conservati. Ma l’elemento essenziale per esaltare la materia prima è l’acqua. Che sia con la moka o con la macchina per cialde o capsule, l’acqua deve avere certe caratteristiche. Scopriamole insieme:

Caffè e acqua frizzante: sì o no?

Sarà sicuramente capitato di leggere o sentire dire che un bicchierino di acqua frizzante nel serbatoio della macchina aiuta ad avere un caffè più cremoso e corposo. E’ falso. Il caffè non sarà più vellutato grazie alle bollicine di anidride carbonica. L’unica certezza nell’uso dell’acqua frizzante è sicuramente quella di avere più calcare nella macchinetta del caffè.

Si può usare acqua distillata per fare il caffè?

Discorso simile si può fare per l’acqua distillata. Si tratta di un’altra leggenda metropolitana. La giusta quantità di minerali, in realtà, contribuisce a dare alla bevanda il suo sapore unico. Non deve avere valori pari allo zero, deve essere pura e leggera.

La migliore acqua per fare il caffè: minerale

Qual è dunque l’acqua migliore, quella da scegliere per il proprio caffè? Ecco la risposta: un’acqua minerale naturale in bottiglia, non importa di che marca, quella che si trova in vendita nei supermercati è più che perfetta. Non possiamo dire quale sia l’acqua oligominerale migliore, non è semplice stabilirlo. Ma sappiamo che un’acqua con una durezza (elementi chimici) nella media è la soluzione migliore. Un residuo fisso non troppo elevato e la giusta presenza di minerali assicurano lunga vita alla macchinetta e una tazzina gustosa, cremosa e profumata.

La Scaa, Speciality Coffee Association of America individua questi valori ideali:

  • Residuo fisso75/250mg/l
  • Ph6,5/7,5
  • Calcio17/85 mg/l
  • Sodio<10mg/l

Ovviamente è importante assicurarsi anche di tenere sempre il serbatoio pulito, svuotarlo e mettere acqua pulita se non si utilizza la macchinetta per qualche giorno. Nel caso della moka, invece, c’è un dettaglio da osservare: l’acqua nella caldaia dovrà raggiungere, e mai superare, il livello
della valvola di sicurezza.

L’acqua del rubinetto di casa?

Va bene se si ha il depuratore e se ne conoscono le caratteristiche. Ma variando molto da luogo a luogo, non è sempre possibile tenerla sotto controllo. Per cui, tra tutte le acque è quella meno consigliata.